martedì 29 maggio 2012

RUGBY, il CUS PAVIA finisce i CAMPIONATI UNIVERSITARI con un ottimo terzo posto


Ottimo terzo posto per la sezione rugby alle finali nazionali di Messina di rugby seven che vedevano la partecipazione degli otto CUS vincitori dei gironi di qualificazione. Torneo vinto dal CUS PARMA che presentava un organico di notevole caratura tecnica con ben 4 giocatori della nazionale seven ovvero CASTAGNOLI del REGGIO EMILIA (TOP 10) e RUFFOLO, CASALINI ed ALBERGHINI del CROCIATI PARMA (TOP 10). La formula del torneo prevedeva due giornate di gare, la prima con due gironi a 4 squadre dove PAVIA si trovava a competere con BARI sconfitto 40 -0, VERONA battuto 31 - 0 e con il forte CUS ROMA sconfitto per 14 - 10. L'altro girone vedeva il dominio incontrastato di PARMA davanti a BOLOGNA, FORO ITALICO ed i locali del MESSINA. Seconda giornata che vedeva i pavesi affrontare il MESSINA nei quarti di finale, partita a senso unico per i lomabardi chiusa sul 43 - 0, semifinale contro BOLOGNA, squadra molto ben organizzata dal punto di vista strategico per il rugby a 7, partita molto equilibrata chiusa a favore degli emiliani per 21 a 12 con qualche rammarico per DISETTI e compagni su alcuni episodi che avrebbero potuto cam­biare il risultato finale. La finale per il terzo posto vedeva di nuovo la compagine pavese affrontare il quotato CUS ROMA , sconfitto con due mete di SINTICH al termine di una partita molto intensa. Senza storia la finale primo posto, dove il PARMA ha strapazzato un BOLOGNA ormai esausto.
I gialloblu, tornati a conquistare il podio dopo la scottante eliminazione dello scorso anno, hanno dimostrato i valori espressi nelle ultime edizioni, come il bronzo conquistato ad Isernia due anni fa ed il Titolo ottenuto l'anno precedente a Lignano Sabbiadoro.
La soddisfazione maggiore della squadra pavese è che, rispetto alle squadre presenti, schierava più del 50% dei giocatori tesserati per il Cus Pavia e impegnati nel campionato di C èlite. Questo ri­sul­tato non è l'espressione di poche individualità di spicco, ma il frutto degli allenamenti di un gruppo coeso che ha saputo sopperire alla mancanza di esperienza con forza di volontà e spirito di sacri­fi­cio. La formazione  era così composta: Mario Disetti (Cus Pavia, scienze motorie), Nicola Sintich (Petrarca Padova, scienze motorie), Verona Guglielmo (Cus Pavia, farmacia), Obnuigo Louis (Cus Pavia, chimica), Zoli Giacomo (Calvisano, scienze motorie), Cullaciati Alessandro (Cus Pavia, ingegneria), Cullaciati Carlo (Cus Pavia, giurisprudenza), Bronzini Giorgio (Aironi, scienze motorie), Limonta Tommaso (Asr Milano, scienze motorie), Desmet Nicola (Cus Pavia, ingegneria), Carugi Edoardo (Cus Verona, scienze motorie), Tamborini Emanuele (Cus Pavia, scienze motorie), Marcaletti Saverio (Rugby Voghera, medicina), Zampori Alarico (Cus Pavia, giurisprudenza), accompagnatore Giuseppe Giovanetti, allenatore Nino Prini. 

Ecco la classifica:
I° CUS PARMA
II° CUS BOLOGNA
III° CUS PAVIA
IV° CUS ROMA
V° CUS FORO ITALICO
VI° CUS VERONA
VII° CUS MESSINA
VIII° CUS BARI

Sesto posto per la squadra femminile, che paga l'inesperienza rispetto a compagini ben più esperte e di livello come il Cus Padova che vince l'oro seguato dal Cus Milano e dal Cus Torino nell'ordine. Le pavesi erano infatti le uniche che schieravano una squadra composta esclusivamente da giocatrici appartenenti al Cus, a differenza delle altre università che schieravano selezioni di giocatrici provenienti dalle squadre più blasonate del Campionato Nazionale di Serie A. Prestazione comunque incoraggiante e utile nel proseguio dell'attività del rugby rosa a Pavia. Ecco la formazione allenata da Michele Donatiello: Aloisio Elena, Bartoli Martina, Biasoli Carmen, Bovio Agnese, Broglio Sara, Ferrara Chiara, Montesion Luisa, Nazha Abir, Russo Novella, Trapani Giorgia, Vataman Natasha.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento